Come creare una videolezione

Posted on

Il metodo più semplice e pratico per creare una videolezione è quello di usare un software dedicato , il classico screencast. In rete si possono trovare molti programmi disponibili, di solito a pagamento. Qui invece cercheremo quei programmi gratuiti, magari limitati in certe funzioni, ma che permettono comunque di effettuare una buona videolezione con tutti gli strumenti necessari.

Prima di partire con l’argomento vorrei suggerire alcuni metodi, ormai riconosciuti, che permettono di creare una buona videolezione, metodi che hanno un carattere di praticità e correlati alla tipologia di lezione che state offrendo ai vostri lettori.

Indice

Suggerimenti per una buona videolezione

Inizierei con il tempo di durata. Una lezione che dura troppo rischia di non essere adeguatamente seguita. Di solito l’utente dopo 15 minuti comincia a stancarsi. E’ importante non esagerare con la lunghezza, meglio creare più spezzoni che potranno essere visti in successione, dando lo spazio necessario tra una lezione e l’altra.

Usare un linguaggio chiaro e comprensibile. Questo significa avere pianificato in anticipo le cose da dire, cercando di evitare discorsi poco chiari. E’ importante andare subito al “nocciolo” della questione,. Concetti chiari e semplici, che abbiano un certo impatto e che possano essere facilmente ricordati.

Usare, per quanto possibile, anche gli ausili che vengono messi a disposizione come la condivisione dello schermo, presentazioni, disegni, link, ecc.

Richiedere agli studenti un feed back (un riscontro). Pensare che la lezione creata sia perfettamente comprensibile a tutti è sbagliato. Le persone vedono e capiscono certi aspetti in maniera differente. Con un riscontro è possibile migliorare la lezione adeguandola alle differenti necessità, conoscenze ed esperienze.

Quali programmi

Vediamo ora quali sono i programmi (screencast) più facili, semplici e gratuiti disponibili in rete.

Screencast-O-Matic

Screencast-O-Matic è un programma semplice e intuitivo, disponibile in versione gratuita e a pagamento. La versione gratuita limita la registrazione a 15 minuti. Più che sufficienti per le nostre finalità. Installato il programma si potrà decidere quale area dello schermo registrare, oppure tutto lo schermo, usare la webcam, o la webcam + lo schermo. A sinistra il tool degli strumenti permette di disegnare e interagire con la lezione per meglio focalizzare certi argomenti.

Nimbus

Se usi Chrome puoi aggiungere l’estensione Nimbus senza aver bisogno di installare programmi supplementari. Installata l’estensione è sufficiente avviarla e decidere come creare la videolezione. Semplice da usare, purtroppo è limitata alla registrazione di soli 5 minuti nella versione gratuita. Sarai costretto a creare più spezzoni e brevi. Ma anche 5 minuti possono essere più che sufficienti.

OBS Studio

Si è già parlato di OBS Studio e di quello che può fare. Sostanzialmente è in grado di registrare indefinitamente tutto quello che compare sullo schermo, compreso l’audio del desktop e quello del microfono. Permette così di poter creare delle video lezioni mostrando tutto quello che serve con il proprio vocale in sottofondo. E’ indubbiamente meno completo degli altri due ma, oltre ad essere gratuito non ha limitazioni di sorta.

TinyTake

Come OBS Studio, TinyTake è un registratore che permette di catturare immagini e memorizzare ciò che accade sullo schermo del computer, aggiungere commenti e condividerli con altri. La versione gratuita limita la registrazione a 5 minuti. E’ disponibile anche per dispositivi Mac.

Condividere la videolezione

Creata la videolezione o le videolezioni, non ti resta che permettere ai tuoi studenti di poterle vedere. Il metodo più semplice e pratico è quello di condividere tutto su YouTube. Fatto questo dovrai solamente condividere il link delle tue videolezioni con i tuoi studenti.