Girando qua e la mi è capitato di imbattermi in diversi programmi di video editing. Di solito richiedono un certo studio preliminare per poterli imparare.

Questi, pertanto, non fanno al caso mio perché lo studio non è proprio una mia passione. Preferisco andare al sodo e mettere subito in pratica anche le poche conoscenze che possiedo. Inoltre molti di questi programmi sono parzialmente funzionanti, a pagamento, complicati o carichi di pubblicità.

Spesso non danno buoni risultati oppure promettono di essere gratis (si ma solo in download) e poi invece richiedono quasi subito un pagamento.

A me piace la parola gratis, pertanto la terremo sempre in buona considerazione.

Inoltre, la maggior parte degli utenti, non richiedono grandi risultati.

Quelli come me ad esempio, che sono la stragrande maggioranza, necessitano di un programma che permetta di incollare qualche video fatto in famiglia, magari di un matrimonio, oppure vecchi video ricordo. Insomma, quelli esperti e capaci si rivolgeranno sicuramente a programmi ben più complessi (e a pagamento).

Non sempre , poi, questi software sono spiegati in maniera chiara e semplice. Dopo molti fallimenti e perdita di tempo alla fine si riesce a capire come funzionano. In questa pagina cercherò di essere molto chiaro su come utilizzare alcuni di questi programmi in modo da poter raggiungere lo scopo con pochi sforzi.

Avidemux

Il primo programma che suggerirei è Avidemux. E’ disponibile per Windows, per Mac e per Linux.

Dopo l’installazione e al primo avvio, ovviamente , non comparirà il video che si vede nell’esempio in figura ma lo schermo sarà bianco. Sarà sufficiente trascinare quello di interesse nella finestra vuota oppure cliccare su File poi Apri e scegliere il video di proprio gradimento.

Per tagliare il video sarà sufficiente usare i pulsanti A (set start marker) e B (set end marker), che si vedono al centro di una serie di comandi sotto il video, e che ho contrassegnato con il numero 3.

Ovvero, selezionare il punto di partenza usando il cursore rettangolare blu (contrassegnato con il numero 1) e premere A.

Selezionare il punto finale e premere B. Per una maggiore precisione è possibile usare il cursore posizionato nel punto contrassegnato con il numero 2.

Ora bisogna decidere in quale formato si vuole salvare il video tagliato. Con Output Format è possibile fare questo. Ci sono diversi formati disponibili: AVI, FLV, MKV, MOV, MP4 e Mpeg. A meno che non si vogliano formati particolari ti consiglio di usare l’MP4 che è quello più comune. Comunque, selezionato il formato preferito, vai su File e poi Salva. Scegli una cartella, un nome e il gioco è fatto.

Se invece vuoi tagliare pezzi di video qua e là sarà sufficiente usare sempre i pulsanti A e B per selezionare i punti da tagliare (inizio e fine). Premere il tasto Canc sulla tastiera e il pezzo non voluto verrà rimosso. Il resto del video verrà automaticamente unito. Questo metodo è molto utile se si deve, per esempio, tagliare pezzi di pubblicità e comunque parti non desiderate. Usare poi sempre lo stesso metodo per salvare il video, ovvero, decidere prima il formato (per esempio MP4) e salvarlo in una cartella.

Per incollare due o più video tra loro seguire queste indicazioni. Caricare il primo video. Poi premere File e successivamente Aggiungi. Selezionare il secondo video. E così via per il terzo o il quarto. Avidemux li metterà tutti in successione. Terminata la selezione procedere con eventuali modifiche (taglio e cucito), decidere il formato di output e salvare il tutto.

Il programma consente anche di stabilire con quale formato audio si vuole salvare il video e non solo. Sono disponibili diverse configurazioni e strumenti. Ma in fondo quello che più serve è quello che ho appena descritto. Nel caso in cui si volesse approfondire ulteriormente le funzionalità e le potenzialità di Avidemux è possibile fare riferimento a questa guida.

VLC

VLC è un ottimo programma per fare tante cose. Tra cui anche tagliare un video. O meglio, in realtà non lo taglia come Avidemux ma effettua una registrazione delle parti volute. E’ indubbiamente meno adatto a operazioni di video editing ma sicuramente il suo vantaggio è la grande semplicità.

Disponibile per Windows, Mac , Linux, Android e molti sistemi operativi (praticamente tutti), Il lettore multimediale VLC supporta tutti i formati video più diffusi come MP4, WMV, M4V, MOV e molti altri.

Ora vediamo come estrarre una porzione di video con VLC. Dall’immagine si può vedere come a sinistra sia presente un pulsante rosso. Questo è il pulsante di registrazione.

Quello che si deve pertanto fare è decidere i punti di inizio e di fine del video che si vuole tagliare usando il cursore temporale (mettere in pausa il video per non avere intralci). O meglio, posizionare il cursore temporale nel punto di inizio. Avviare il video e premere il pulsante di registrazione. Aspettare di arrivare al punto finale e interrompere la registrazione premendo ancora il pulsante rosso e poi interrompere la visualizzazione del video. In pratica si deve vedere tutto il video da tagliare! Automaticamente VLC salverà la porzione di video registrata con il nome “vlc-record-(la data-il tempo di registrazione)-(nome del video registrato)-(formato)”.

Ora puoi modificare questo nome a tuo piacimento. Il formato con cui verrà salvato resterà lo stesso di quello del video registrato a meno che non venga cambiato.

Per quanto riguarda l’unione di più video con VLC penso che non sia il caso di approfondire anche perché il successo dell’operazione non è sempre garantito. Ci sono vari tutorial in internet su come unire due o più file usando il tasto “Converti” ma vi posso garantire che non funzionano sempre. Pertanto suggerirei un’ altro programma, “abbastanza” facile da usare: Shotcut.

Shotcut

Shotcut è un editor video gratuito, open source e multipiattaforma. Offre supporto per un ampio formato per audio, video e immagini. Questo movie maker per Windows offre un’ampia selezione di transizioni e filtri, inclusi filtri video a 360 gradi. E poiché Shotcut è open source, ha aggiornamenti regolari fatti dalla comunità. Come si puoi notare dal link di installazione, Shotcut è disponibile anche per Mac e Linux.

Per unire due o più video puoi procedere nel modo seguente. Apri il primo video usando File e poi Apri File. Una volta caricato trascinalo verso il basso nella zona di Timeline, più a sinistra che puoi. Apri il secondo video e trascinalo subito dopo al primo. E così via per tutti gli altri.

Quando sono tutti ravvicinati uno di seguito all’altro premi il pulsante Esporta in alto. Si aprirà una finestra. Clicca ancora su esporta, scegli il nome da dare al tuo video e salva il tutto. Attendi fino al completamento dell’operazione e alla fine il video desiderato sarà disponibile. Io ho cercato di fartela semplice. Questo programma è dotato di tante altre funzionalità. Per scoprirle tutte l’unico consiglio che ti posso dare è di fare un po di pratica. Scoprirai tante caratteristiche che ti potranno essere utili in molte occasioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »