Il Cammino di Santiago

Posted on

Si parla spesso di cammini, percorsi, tragitti spirituali in varie parti del mondo. Molti sono estremamente lunghi come quello della Via Francigena (“la via dei Franchi“). E’ un pellegrinaggio lungo circa 2000 chilometri che va da Canterbury in Inghilterra sino a Roma.

Un’ altro molto famoso è quello di Santiago (camino de Santiago in spagnolo). Parte da diversi luoghi per raggiungere la cattedrale di Santiago de Compostela in Galizia, regione della Spagna, eretta in omaggio a San Giacomo il Maggiore.

Strutturato su diversi percorsi in tutta Europa, è un cammino adatto sia a quelli estremamente allenati che a quelli alle “prime armi” perché si parte da un minimo di un centinaio di chilometri fino ad arrivare a quello più lungo di oltre 800 chilometri. Insomma, per tutti i “gusti”.

Ovviamente, camminando per 20/40 km al giorno, dovrai considerare di restare fuori casa da un minimo di una settimana fino ad arrivare a oltre un mese. Perciò devi essere adeguatamente equipaggiato per affrontare questo evento.

Non è obbligatorio farlo tutto a piedi comunque. Puoi usare anche la bicicletta facendoti accompagnare da parenti, amici, persino dal tuo cane.

Indice

Le origini del cammino

Il Cammino di Santiago trae origine dalla venerazione per San Giacomo il Maggiore, primo, fra i dodici apostoli di Gesù, ad essere stato martirizzato per la sua adesione alla fede cristiana.

Intorno al 42 d.C., egli trovò infatti la morte per decapitazione su ordine dell’allora re della Giudea, Erode Agrippa.

Alcuni apostoli riuscirono a trafugare il corpo del Santo e attraversarono tutto il Mediterraneo sino a giungere sulle coste della moderna Galizia, sbarcando nel porto dell’attuale cittadina di Padrón, allora chiamata Iria Flavia. In seguito si persero le tracce delle spoglie del Santo, fino a quando, intorno all’813 d.C, un eremita di nome Pelayo, seguendo una stella particolarmente luminosa, giunse ai piedi del monte Libradòn, dove trovò un tumulo. I resti contenuti in questa tomba furono attribuiti all’Apostolo e a due suoi discepoli, Teodoro e Attanasio. E’ una leggenda, ma su questa probabilmente trae origine il nome della città di Santiago de Compostela: un campo indicato dalle stelle.

A queste reliquie fu attribuito un immenso valore e questo contribuì a rendere la loro storia molto travagliata. Alcune volte furono perdute e poi ritrovate. Infine, nel 1879, furono ufficialmente riconosciute da papa Leone XIII.

Le prime notizie dettagliate sul Cammino di Santiago, quello percorso dai vari pellegrini di tutta Europa, ci sono giunte tramite il Codex Calixtinus del 1139, il cui libro V è un’accurata narrazione della cultura, delle zone e delle “tappe” del Cammino Francese. Una vera e propria guida.

In seguito, la diffusione del Cammino ebbe una forte spinta nel 1179 dall’allora pontefice Alessandro III, che promise l’indulgenza plenaria ai pellegrini che fossero giunti a Santiago.

Un’ altro forte impulso alla notorietà del cammino lo diede San Francesco d’Assisi, recandosi nel 1214 presso la tomba di San Giacomo.

Anche il sacerdote italiano Domenico Laffi contribuì con il suo libro “Viaggio in Ponente a San Giacomo di Galitia e Finisterrae, Bologna, 1673” a diffondere la fama del Cammino.

E oggi..

Dopo ancora alterne vicende il Cammino di Santiago iniziò a riprendersi intorno alla metà del XX secolo grazie alla visita di papa Giovanni Paolo II nel 1982 e la nomina a “Itinerario culturale europeo” da parte del Consiglio d’Europa nel 1987. Arrivarono anche finanziamenti per introdurre la segnaletica e i servizi di ristoro lungo tutto il Cammino.

Nel 1993, il Cammino di Santiago venne dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Dove iniziare

Di seguito cercherò di fornire le indicazioni e le informazioni essenziali a chi vuole affrontare questa avventura per la prima volta. Gli esperti non ne avranno bisogno.

Incomincio nel dire che il pellegrinaggio è considerato tale se svolto a piedi o in bici e la Compostela si ottiene dopo aver camminato almeno gli ultimi 100 Km del Cammino a piedi o 200 Km in bicicletta richiedendola all’Ufficio del Pellegrino di Santiago de Compostela.
Un’altra cosa importante è che i percorsi che conducono a Santiago de Compostela sono numerosi e segnalati da frecce gialle e conchiglie che cominciano dalla Spagna, dal Portogallo, dalla Francia e dalla Germania. Al limite è possibile partire anche dall’Italia attraverso sentieri europei.

Dove si dorme

Sul Cammino di Santiago ci sono diverse tipologie di alloggio:

  • alberghi municipali
  • alberghi privati
  • alberghi gestiti da volontari o dalla chiesa
  • alberghi o affittacamere.

Transitando per i vari alberghi è importante farsi apporre un timbro che certifichi il tuo passaggio (credenziali del pellegrino). Questi timbri sono importanti per dimostrare che hai effettuato il percorso e dovrai presentarli per poter richiedere la Compostela al tuo arrivo a Santiago.
La compostela che ti verrà consegnata è l’attestato ufficiale che certifica di aver percorso almeno gli ultimi 100 chilometri a piedi o gli ultimi 200 in bicicletta.

Compostela al termine del Cammino
Esempio di Compostela

Lunghezza del Cammino

Il Cammino di Santiago può avere differenti lunghezze a seconda da dove si parte. Ad esempio, Il Cammino Francese da Saint-Jean-Pied-de-Port in Francia ai piedi dei Pirenei fino a Santiago de Compostela è lungo 800 km sono necessari 30 giorni di tempo per percorrerlo tutto.
Il suo percorso coincide con il sentiero di lunga percorrenza GR-65 facente parte del sistema di sentieri europei E5 ed è il cammino per Santiago più frequentato. Gli altri cammini hanno una lunghezza diversa e in ogni caso è possibile partire da qualsiasi punto, considerando che se si intende avere la Compostela all’arrivo è necessario percorrere almeno gli ultimi 100 km a piedi o 200 km in bicicletta.

Come percorrerlo

Per iniziare il tuo viaggio devi prendere alcune decisioni:

  • Quando partire. I periodi migliori sono maggio, giugno, settembre e ottobre. Pianifica le tappe in base ai giorni disponibili e considera di camminare dai 20 ai 30 km al giorno in funzione del tuo allenamento.
  • Verifica i costi. Una stima approssimativa, escludendo l’equipaggiamento, il Cammino in 30 giorni costa in media tra i 500 e i 1000 euro. Se consideriamo anche i voli (200/250 euro) si potrebbe raggiungere un totale di 1250 euro massimi. Per 10 giorni di Cammino la spesa si potrebbe più che dimezzare.
  • Scegli il percorso. Qui trovi i percorsi disponibili per Santiago in base al tempo che hai a disposizione e verifica da quale punto partire.
  • Prepara l’equipaggiamento. Considera che il peso dello zaino non deve superare il 10% del tuo peso, perciò portati solo lo stretto necessario come se dovessi fare un lungo percorso a piedi per diversi giorni. Sicuramente scarpe da trekking, un minimo di ricambi e sacco a pelo se prevedi di dormire fuori.
  • Documenti di viaggio, tessera sanitaria, documento di identità
  • Assicurazione viaggio se ne hai fatta una.

Percorsi disponibili per Santiago

  • 7 giorni disponibili. Gli ultimi 100 km da Sarria (percorso francese), il Cammino del Barbanza “El Origen” (120 km) dal Faro di Corrubedo, quello di Muxia-Finisterre (151 km) da Santiago de Compostela
  • 10 giorni disponibili. Il percorso francese (rosso da Ponferrada di 200 km), il cammino inglese (viola da Ferrol di 155 km), il sentiero d’inverno (263 km) da Ponferrada a Laxe, il Cammino dei Fari (200 km) da Malpica
  • 15 giorni disponibili. Il cammino da Leòn (306 km), quello primitivi da Oviedo (340 km),
  • 30 giorni disponibili. Il cammino francese da Saint Jean Pied de Port (800 km), quello portoghese da Lisbona (800 km). quello del nord da Irùn (815 km), quello della Lana (400 km) da Alicante, quello de L’Ebro (440 km) da Alicante
  • + di 30 giorni disponibili. Via del la Plata partendo da Siviglia (960 km)

Da quale punto partire

Il punto da cui deciderai di partire dipende dal percorso che vorrai fare.

Ogni punto è raggiungibile tramite autobus previo scalo presso l’aeroporto più vicino. Ogni scalo ha tutte le indicazioni e le informazioni necessarie e sapranno indicarvi l’autobus interessato al tragitto.

In base ai giorni stabiliti dovrai recarti nei seguenti luoghi di partenza:

  1. 7 giorni. Sarria, Faro di Corrubedo, e Santiago de Compostela
  2. 10 giorni. Ponferrada, Ferrol, Malpica
  3. 15 giorni. Leòn, Oviedo
  4. 30 giorni. Saint Jean pied de Port, Lisbona, Irùn, Alicante
  5. + di 30 giorni. Siviglia

Ulteriori notizie e informazioni

Se desideri avere altre informazioni più dettagliate sul Cammino di Santiago ti consiglio di visitare i seguenti siti:

A questo punto non posso far altro che augurarti BUONA CAMMINATA!