12 Agosto 2022

Elezioni 2022, corsa alle poltrone di quelli senza mestiere.

Da oggi entra nel vivo la corsa elettorale verso le elezioni politiche 2022 in programma il 25 settembre. I soliti noti e le solite facce da voltagabbana si ripropongono senza dignità né competenze all’elettorato. Non contenti delle figure fatte in passato e soprattutto dei danni causati al paese si aggrappano a qualsiasi appiglio, frasi fatte, promesse che non manterranno, con l’unico scopo di convincere il cittadino che la salvezza della nazione dipende da loro! Ma i bravi italiani che possiedono una memoria storica dovrebbero ricordare ciò che è avvenuto in passato.

Senza entrare troppo nel merito mi preme ricordare il fallimento del nostro Paese causato dalla “direzione” Berlusconi che ha portato in auge Monti e la Fornero con tutte le conseguenze che ne sono derivate.

Per non parlare della Meloni che ha avallato la legge contro i lavoratori e oggi si ripropone come Giovanna d’Arco.

Salvini promotore di tutte le decisioni sbagliate pur di mantenere la poltrona, e soprattutto restando all’opposizione visto che le idee sono poche. Renzi che si affianca a Calenda !!

E’ proprio vero. Dio li fa e poi li accoppia. Il primo proveniente da famiglia conosciuta e intrallazzatore con gli arabi e in tante altre cose, il secondo “annaspatore” di professione sempre nel tentativo di restare a galla in politica, senza la quale non avrebbe ne arte né parte.

In questo bel marasma di incompetenti e parassiti qualche volto positivo lo abbiamo. Proveniente da ambiente non politico e con un solido mestiere alle spalle direi che il SIGNOR Conte ha dimostrato di essere il migliore negli ultimi 30 anni. In pochi mesi del suo mandato è riuscito a dare agli italiani e al paese parte di quello che gli altri hanno solo promesso. Certo, una volta che i soldi erano stati stanziati dall’Europa grazie a lui (e non a Draghi) rappresentava una figura scomoda perché impediva gli intrallazzi di palazzo. Fuori lui ecco il candidato ideale: Draghi.

Un affarista collegato a banche e a poteri forti e al quale il benessere della popolazione vale quanto una caccola di mosca. Ma questo è stato voluto da Berlusconi! Chissà perché. Beh fatevi la domanda e datevi la risposta. E chi non è d’accordo con tutto questo o è colluso o abbastanza stupido da farsi nuovamente raggirare . Sicuramente i giornalisti, servi dei politici, ostacoleranno la verità. Ovviamente sono pagati per questo, sia che vendano sia che non vendano il proprio pezzo di carta straccia. E anche i vari dirigenti incompetenti chiamati dalla politica alla direzione di aziende che porteranno inevitabilmente al fallimento non concorderanno su questi concetti. Ma si sa. Quelli venduti giocano da una parte sola, e di solito quella sbagliata.

E probabilmente, per l’ennesima volta, vedremo sui trespoli del Parlamento gente che non ha mestiere, che non ha idee, che non ha dignità, e dove l’unico interesse è palesemente il proprio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »