Diventare pilota di ultraleggeri

Posted on

Il volo è sinonimo di libertà. Librarsi nell’aria è sempre stato il sogno dell’uomo fin dai tempi più antichi. E’ un’esperienza affascinante, forse la più inebriante che un essere umano possa vivere. Almeno una volta nella vita si dovrebbe provare.

Non molti sanno, però, che non bisogna necessariamente essere un professionista per soddisfare questo desiderio. Negli ultimi anni sono diventati sempre più diffusi e utilizzati i velivoli ultraleggeri.

Anche se sono definiti come aeromobili sono caratterizzati da un peso inferiore rispetto a quello di un normale aereo. In pratica quando il peso non supera i 450/500 kg vengono considerati ultraleggeri.

Questi velivoli sono utilizzati per il volo da diporto sportivo (VDS) e possono essere basilari o di tipo avanzato.

Non sono difficili da pilotare ma richiedono sempre una buona dose di preparazione. Come per tutti gli aeromobili è richiesta una licenza che permetta il loro libero utilizzo.

E nemmeno servono molti soldi. In media la licenza base VDS per pilota di ultraleggeri costa intorno alle 3500 euro.

pilota di ultreleggero in volo

Come iniziare?

L’età minima, e previo consenso dei genitori, è di 16 anni ed è possibile ottenere solo la prima certificazione (VDS). La maggiore età negli altri casi.

La licenza ha una validità di due anni e va rinnovata previo visita medica, effettuata da un medico sportivo agonistico o da una ASL. Il certificato di idoneità al volo è obbligatorio anche per potersi iscrivere al percorso di formazione e ottenere la licenza. Pertanto è meglio assicurarsi di possedere tutti i requisiti necessari prima di iniziare questo percorso. Oltre all’idoneità psico-fisica al volo da diporto sportivo è necessario anche il Nulla Osta dalla questura del proprio luogo di residenza.

Si parte sempre da una scuola di volo che metta a disposizione un corso di formazione per pilota di ultraleggeri. Al termine dell’addestramento si dovrà superare un esame finale sia per la parte teorica che per quella pratica.

In linea generale, un corso VDS base è composto da circa 33 ore di lezioni teoriche e 16 di pratica con l’istruttore.

Ottenuta la licenza base si potrà puntare alla fase successiva, cioè quella del trasporto di un passeggero. Questa licenza viene rilasciata dall’ AeCI e ha una validità di 5 anni. Per questa si dovranno svolgere ulteriori ore di formazione incentrate maggiormente sulla gestione delle emergenze

Inoltre è possibile ottenere la qualifica VDS avanzato, per pilotare determinate tipologie di aerei ultraleggeri solitamente dotati di caratteristiche più complesse delle loro versioni base.

A questi aeromobili “avanzati” è concesso il volo anche entro spazi aerei controllati e solo dopo aver superato un esame e conseguito il certificato di Radiotelefonia Aeronautica in lingua italiana o inglese. E’ indispensabile perchè questi velivoli sono dotati di una stazione radio di bordo omologata e certificata, equipaggiata di Trasponder e di ELT.

Buon volo a tutti!”