Diventare pilota di linea

Posted on

Il passo successivo a quello di pilota di aereo è quello che ti porta a volare su aerei di linea per qualche compagnia aerea. In pratica devi estendere la tua licenza PPL (dai un’occhiata al link prima di procedere) e farla diventare ATPL (Airline Transport Pilot License).

I requisiti necessari per iniziare questo lungo percorso sono: avere un diploma di scuola media superiore, oppure affrontare un test che prevede le conoscenze basilari di matematica, fisica, inglese ed essere maggiorenni.

Ora la questione si fa più seria. Passerai dal volare per divertimento, ad un lavoro vero e proprio e anche ben pagato.

Sembra tutto bello a prima vista ma qualcosa di negativo c’è.

Te lo riassumo brevemente: servono due anni di addestramento e il costo in media si aggira intorno ai 90000 euro. Purtroppo non è indolore.

Ma andiamo per gradi. La licenza ATPL passa per due vincoli, uno medico e l’altro pratico.

pilota di linea

Visita Medica

Come per la licenza PPL, anche l’ATPL necessita di una idoneità psico-fisica adeguata. La richiesta va presentata a un Istituto Medico Legale dell’Aeronautica Militare o a un ambulatorio della Sanità Marittima del Ministero della Salute. La classe da richiedere è la Prima. In aggiunta alle visite previste per la PPL , se ne devono sommare altre come quella dermatologica e Medicina del Lavoro. L’idoneità di Prima Classe ha validità biennale fino a 40 anni. Successivamente deve essere ripetuta ogni anno.

Scuole di volo

Avendo già ottenuto la licenza PPL non mi soffermerò troppo sui dettagli. Presso le scuole di volo certificate potrai ottenere la licenza ATPL previa frequentazione del corso. Tanta teoria e pratica, tutto in un lasso di tempo abbastanza lungo variabile tra i 18 e i 24 mesi. Il costo dipende dalla scuola in base alla flotta impiegata per l’addestramento, dall’esperienza degli istruttori di volo e può oscillare tra i 60000 ei 120000 euro.

Le strade percorribili per conseguire la licenza di pilota di linea sono due : l’ATPL modulare e quello integrato. Nel primo caso bisogna già essere in possesso della licenza PPL con almeno 145 ore di volo, seguire 650 ore di lezione, sia a distanza che in classe e fare pratica per altre 100 ore di volo.

Nel secondo caso invece si parte da zero (si passa comunque per la PPL).

In entrambi i casi e dopo un pò di esami, si ottiene il “Frozen ATPL”, ovvero l’attestato di idoneità teorica che ha una validità di 7 anni. Il “full ATPL” si otterrà quando avrai raggiunto le 1500 ore e ti permetterà di pilotare un aereo di linea in qualità di comandante. Ma non finisce qui.

Il pilota di linea dovrà poi essere abilitato a volare su una macchina specifica. Di solito i piloti puntano alle abilitazioni su aeromobili comunemente usati dalle compagnie aeree. Il fine è di potersi garantire una maggiore possibilità di lavoro. Questo ulteriore addestramento ha in media un costo di circa 25 mila euro.

In totale il costo è elevato e potrebbe demoralizzare le persone che sognano di diventare piloti. Un aiuto spesso arriva dalle compagnie di linea che si occupano personalmente della formazione dei piloti, fornendo anche borse di studio o facendo da garanti presso banche associate per la concessione di prestiti.

Un’altra alternativa è quella di frequentare corsi all’estero. Di solito, anche includendo vitto e alloggio, i costi sono inferiori a quelli italiani. Ad esempio FlyBy in Spagna, garantisce un “tutto incluso” alla “modica” cifra di 72400 euro (alloggio, vitto, trasporti, esami, visita di Prima Classe). Si consegue l’ATP in 14 mesi (è poi sempre necessario abilitarsi su un aeromobile di compagnia aggiungendo altri 25000 euro). In rete si possono trovare tante scuole sparse per il mondo che forniscono servizi simili.

La buona notizie è che si stima che entro il 2027 serviranno almeno 255 mila nuovi piloti e la costruzione degli aerei sarà il doppio rispetto a quella di oggi. Questo perciò potrebbe essere il momento migliore per intraprendere questo mestiere. Di contro il pilotaggio è un lavoro stressante e comporta molte responsabilità, sia per la sicurezza dei passeggeri che per il carico trasportato.

A te la scelta!